AUDIT ENERGETICO: COS’ È E PERCHÈ È COSì IMPORTANTE

La gestione energetica è una delle voci di costo più gravose che le aziende di ogni dimensione si trovano ad affrontare costantemente, dedicandovi una parte considerevole del budget riservato ai costi fissi.

Buona parte di questi costi è però molto spesso determinata da una cattiva gestione dell’energia: a volte sprechi, apparecchiature vecchie o fornitori non convenienti rispetto al panorama competitivo possono far aumentare le bollette in modo vertiginoso.

Proprio per evitare questo aumento inaspettato e apparentemente ingiustificato del costo dell’energia per le imprese, tra gli Stati Membri dell’Unione è pratica diffusa promuovere procedure di certificazione per correggere quanto possibile e per promuovere azioni successive mirate alla riduzione dei consumi

La razionalizzazione dei costi e dei consumi è il risultato di una diagnosi energetica effettuata da società ESCo (Energy Services Company), spesso denominata anche “Audit Energetico”. Questa diagnosi rappresenta uno dei parametri chiave all’interno di un qualsiasi programma di efficienza energetica, e mira a stabilire la base di partenza per le misurazioni da effettuare. Tramite l’audit, si comprende in che modo l’energia viene utilizzata in un determinato edificio o una data azienda, e si procede ad individuare la causa degli sprechi e a suggerire e pianificare gli interventi di miglioramento.

La prima azione svolta dalla società ESCo incaricata è la raccolta e l’analisi delle bollette e delle fatture, cosa che permette di stabilire il consumo specifico. Sulla base di questi dati viene poi steso un piano di azione compatibile con le capacità tecniche ed economiche del cliente.

Gli obiettivi dell’audit energetico sono molteplici: oltre alla valutazione tecnico-economica dei flussi di energia, si va a definire il bilancio energetico dell’intero edificio al fine di individuare interventi di riqualificazione tecnologica e le opportunità che meglio soddisfano il bisogno del cliente. Una volta messe a punto tutte le innovazioni necessarie, l’azienda si renderà conto immediatamente di aver guadagnato in comfort e sicurezza, ma soprattutto di aver ridotto le spese di gestione.

Ci sono ovviamente delle tipologie di intervento ricorrenti, che possiamo riassumere come segue:

  • Modifica dei contratti di fornitura energetica;
  • Miglioramenti nella gestione degli impianti, compresa la modulazione dei carichi elettrici;
  • Modifiche alle strutture disperdenti (es. macchinari ed elettrodomestici) presenti nell’edificio;
  • Modifiche agli impianti già esistenti ed eventuale installazione di impianti alternativi (es. fotovoltaico);
  • Pianificazione degli interventi di manutenzione nel tempo.

Anche noi di GreenTech crediamo che il risparmio energetico sia un traguardo assolutamente raggiungibile tramite piccoli miglioramenti che danno risultati immediati duraturi nel tempo.

Proprio per questo motivo garantiamo la prestazione dei nostri interventi di efficientamento e condividiamo il rischio finanziario dei nostri clienti tramite formule di contratto EPC (Energy Performance Contract) e FFT (Finanziamento Tramite Terzi).

Il nostro lavoro si sviluppa in tappe di un percorso di volta in volta personalizzato con il cliente, e che potete vedere illustrato nell’infografica qui sotto.

Audit_GreenTech

Tutte le aziende possono investire in efficienza energetica senza essere costrette a spendere cifre da capogiro, arrivando a risparmiare sui costi energetici sin dal primo anno!

La Regione Marche ci ha scelto per la consulenza nella strutturazione del suo Piano Energetico Ambientale, cosa aspetti a farlo anche tu?

Contattaci! 

Voglio una casa più efficiente

Nel precedente articolo abbiamo parlato di Efficienza Energetica, oggi vogliamo fare un passo ulteriore e cercare di comprendere insieme quali possano essere gli interventi realizzabili sugli edifici residenziali.

Una casa efficiente dal punto di vista energetico è una casa che consuma meno energia, fa risparmiare sulla bolletta, è “amica” dell’ambiente e soprattutto della nostra salute e di quella dei nostri figli.

100950_g

Da diversi anni la normativa nazionale e le Direttive comunitarie cercano di promuovere interventi di efficienza energetica. In particolare, a livello europeo è stata emanata la Dir.2002/91/CE che stabilisce i criteri, le condizioni e le modalità per migliorare le prestazioni energetiche degli edifici. Lo scopo è quello di favorire la diversificazione energetica, lo sviluppo, la valorizzazione e l’integrazione delle fonti rinnovabili nell’ottica di contribuire al raggiungimento degli obiettivi nazionali di limitazione delle emissioni di gas serra posti dal Protocollo di Kyoto.

Semplici interventi del sistema edificio-impianto possono ridurre i consumi energetici annui del 25-50%, diminuire il costo annuo del riscaldamento e le emissioni di CO2 di oltre il 50% con conseguente guadagno in portafoglio e salute.

Siamo arrivati al nocciolo della questione: cosa possiamo fare per la nostra casa affinché divenga energeticamente efficiente?

Ecco un elenco di possibili soluzioni a basso costo:

  • installazione di prese “intelligenti” che spengono i dispositivi e tolgono lo stand-by anche da remoto;
  • installazione di sistemi per il monitoraggio dei consumi;
  • sostituzione delle lampadine alogene con lampadine LED ad alta efficienza energetica;
  • installazione di valvole termostatiche sui termosifoni;
  • utilizzo di caldaie a condensazione;
  • contabilizzazione del calore per unità abitativa nei condomini con impianto centralizzato;
  • sostituzione del generatore di calore a combustibile.

Per capire quale sia l’intervento migliore da effettuare nella propria casa, è opportuno ricorrere ad un’analisi energetica, ossia uno studio accurato dei consumi e del livello di efficienza della propria abitazione.

In concreto, aziende come GreenTech S.r.l., nell’effettuare questo tipo di analisi rilasciano l’attestato di prestazione energetica (APE), che tiene conto del risultato di:

  • sopralluogo e rilievo delle caratteristiche tipologiche, strutturali e tecnologiche dell’edificio;
  • analisi dello stato di efficienza del sistema edificio-impianto;
  • analisi dei consumi energetici storici;
  • individuazione dei punti di inefficienza;
  • identificazione dei possibili interventi migliorativi;
  • studio tecnico-economico-finanziario degli interventi realizzabili;
  • valutazione dell’impatto ambientale;
  • elaborazione del report finale.

Attraverso il servizio di analisi sarà possibile avere un quadro completo della situazione energetica del proprio immobile, conoscere tutti i possibili interventi per ottimizzare il flusso energetico esistente, ridurre la spesa energetica annuale, avere una chiara fotografia dei costi di investimento e dei relativi rientri.

Hai mai pensato di effettuare un’analisi energetica della tua casa? Avresti mai detto che rendere la tua casa più efficiente potesse essere un buon modo per risparmiare? Immaginavi che una casa energeticamente efficiente potesse contribuire alla tua salute e quella del Pianeta?

Con l’arrivo delle feste regalati una casa efficiente e assicurati un futuro a prova di risparmio e salute!

L’Efficienza Energetica

La crescente consapevolezza dei pericoli che corre l’ambiente, congiuntamente con l’opportunità di ridurre alcune classi di costo, ha portato l’intera società a confrontarsi con un tema molto ampio e di grande rilievo: l’efficienza energetica.

Ridurre il consumo di energia e prevenirne gli sprechi sono diventati temi di grande attualità che, oltre a dare un forte impulso allo sviluppo tecnologico, stanno cambiando lentamente le abitudini dei consumatori e trovano sempre più spazio in eventi dedicati e riviste di settore. Anche l’Unione Europea si è impegnata, nel 2006, a ridurre del 20% il consumo annuo di energia primaria entro il 2020: rientrano in questo quadro le recenti norme minime di rendimento energetico e le regole in materia di etichettatura applicabili ai prodotti, ai servizi e alle infrastrutture.

Un sondaggio condotto da EMG Acqua durante lo “Smart Energy Expo” di quest’anno ha rivelato che gli Italiani stanno acquisendo sempre più consapevolezza in questo campo, probabilmente anche spinti dall’esigenza di risparmiare. Il 70% degli intervistati, infatti, era a conoscenza delle fasce orarie in cui è più conveniente utilizzare gli elettrodomestici, mentre circa la metà di loro conosceva la certificazione APE e si è dimostrata disposta ad affrontare un investimento finalizzato alla riduzione del consumo energetico della propria abitazione.

Ma cosa comporta concretamente attuare delle politiche di efficientamento energetico, anche nel proprio universo privato?

Stando al più recente report dell’International Energy Agency (IEA), l’efficienza energetica non comporta soltanto un immediato riscontro nelle bollette del singolo cittadino, ma ha effetti anche sul miglioramento del welfare, come si evince dallo schema sottostante, che vanno dallo sviluppo della microeconomia, alla crescita del PIL, alla produttività industriale.

multiple benefits

Per citare solo alcuni dei dati più significativi, basti pensare che le misure in campo edile per l’efficienza energetica introdotte in Europa hanno portato vantaggi ai conti pubblici dell’Ue per 41-55 miliardi di dollari. L’Italia dovrebbe essere particolamente attenta a questi risvolti economici, in quanto l’IEA ha calcolato che con l’efficienza energetica il Pil di ogni Paese può crescere dallo 0,25% all’1,1%, e che per ogni milione di dollari investito in questo campo si possono generare dagli 8 ai 27 posti di lavoro!

Ognuno di noi può dare una mano a preservare l’ambiente e migliorare le nostre condizioni di vita. Le soluzioni tecnologiche sono molte e ormai alla portata di tutti, basti pensare alla diffusione delle lampade LED, dei sistemi di monitoraggio per tenere sotto controllo la quantità di energia consumata nella propria casa, o ancora alle fonti alternative di approvviggionamento energetico come i pannelli fotovoltaici o i sistemi di accumulo che possono essere istallati in ogni abitazione.

Non dimentichiamoci inoltre che continuano anche nel 2015 le detrazioni IRPEF per interventi di ristrutturazione ed efficientamento energetico in abitazioni e condomini! E’ il momento giusto per investire nell’efficienza energetica e dare una mano all’ambiente, all’economia privata e anche a quella comune.